Fermi a un binario morto

Il seguente argomento sarà trattato in stile telegrafico, perché ogni  approfondimento, al pari di qualsiasi commento, sono superflui.

In Emilia la terra ha tremato, più volte.

Vite, case, chiese e strade sono state distrutte.

Da alcune zone è arrivata, forte e chiara, una richiesta: abbiamo bisogno di bici.
#Salvaiciclisti ha risposto lanciando un appello: se avete una bici funzionante a cui potere rinunciare, fatelo.

In centinaia hanno risposto, perché questo paese, nonostante tutto, ha un cuore grande.

Quello che resta piccola piccola è la mentalità di certi attori.

La sfida grossa per #Salvaiciclisti adesso è organizzare le spedizioni delle bici in modo efficiente.

A gran voce abbiamo richiesto l’aiuto degli operatori del settore ferroviario, Ferrovie dello Stato e NTV che gestisce Italo Treno.

Queste sono state le rispettive risposte:

Ferrovie dello Stato: valuteremo la richiesta quando ci sarà formalmente pervenuta. A ogni modo non è ipotizzabile l’impiego di treni ad alta velocità perché non hanno spazi idonei al trasporto delle bici.

NTV (Italo Treno): “stiamo valutando“.

Poche o tante parole, la sostanza è la stessa. Quella di un paese fermo al palo.
Conosciamo per esperienza diretta le “ragioni squisitamente tecniche” che ci impediscono di viaggiare con le bici sui treni AV.

Sappiamo che i cittadini (elettori, utenti e consumatori) vengono puntualmente ignorati da aziende e istituzioni perché non vengono considerati interlocutori degni di esprimersi sulle questioni che li riguardano.

Sappiamo che l’immobilismo, l’eccessiva burocrazia, la difesa degli interessi corporativi e la logica speculativa sono le leve che (non) fanno funzionare questo paese.

E queste risposte non ci stupiscono neanche un po’.


avatar fgiuffrida

portiamogliele in macchina. volevano 50 bici. ci vorranno 20 macchine. Fra un po’ non serviranno più. Fatemi sapere se serve la mia (Roma – Modena. ho una Berlingo)

avatar salvaciclisti.arezzo

anche io ho provato per un treno con 300-500 ciclisti con bici al seguito, nada de nada, e se tutti ma proprio TUTTI si spedisse la stessa richiesta??? pensiamoci in fondo una e mail non costa nulla ma migliaia e migliaia di richieste valgono MOLTO, insomma facciamo una bella CRITICAL MASS a tutti i gestori ferroviari…

avatar Lorenzo

Apriamo una sottoscrizione, così come abbiamo fatto per la bicifestazione del 28 aprile. noleggiamo un furgone. Appiccichiamo logo salvaiciclisti e la scritta: “stiamo consegnando le biciclette agli amici dell’Emilia”

avatar maddler

Ciao Lorenzo, il punto non e` trovare soluzioni alternative (per altro c’e` anche stato chi ha offerto la disponibilita` di furgoni per il trasporto) solo sarebbe stato “bello” da parte di Trenitalia non trincerarsi dietro la necessita` di una richiesta “formale”.
Sarebbe bastato consentire di caricare su di un convoglio regionale una 20na di biciclette in modo gratuito. Tutto qua.

avatar Lorenzo

Maddler, ma l’obiettivo reale qual è? Permettere alla gente di girare con le bici recuperate col movimento “salvaiciclisti” (il più presto possibile) o mettere in imbarazzo NTV e Ferrovie dello Stato? Dovremmo essere un pelo più pragmatici e dimostrare che:
a) lo abbiamo fatto, nonostante tutto
b) che tutto il resto è un’italia mediocre.

Invece, anche noi – sollevando polveroni e basta – non portiamo alcun beneficio a chi, in questo momento, ha bisogno di un aiuto concreto.

avatar saimonz

Lorenzo, bisogna distinguere..
L’obiettivo dell’iniziativa è portare le bici lì dove servono. Per questo ci stiamo già muovendo.
L’obiettivo del post è accendere un riflettore sull’ennesima pantomima italica., figlia dell’inadeguatezza di una certa classe dirigente dura a morire, ma morta dentro da tempo.

avatar giuseppe

ho offerto due bici il 5 giugno oggi è il 12. nessuno si è visto.
dite di non fare politica ma immediatamente e in modo strumentale sollevate una polemica con le ferrovie. intanto le bici restano ferme. al momento c’è bisogno di fatti non di chiacchiere

avatar maddler

Giuseppe, quello che ti sfugge e` che #salvaiciclisti e` basato SOLO ED UNICAMENTE sulle persone che decidono di aiutare e dare una mano. Le nostre energie, purtroppo, sono limitate a e da quello che ciascuno di noi puo` fare. Anche a noi piacerebbe riuscire a fare tutto e di piu`, purtroppo nostro malgrado non ce la facciamo. In questi giorni abbiamo ricevuto oltre centinaia di email di donazione, provenienti praticamente da ovunque in Italia.
La tua email e` del 5 giugno (giusto una settimana fa), se fossimo una grande corporation con decine di persone forse avremmo potuto “evadere” la tua richiesta in pochi istanti, purtropppo (e per fortuna?) cosi` non e` e abbiamo bisogno di tempo per riuscire a fare le cose.
Capiamo la tua necessita`/volonta` di donare. Ma ti chiediamo anche di comprendere come possa non essere facile ed immediato coordinare ed organizzare il tutto in breve tempo.
Se le ferrovie avessero dato la propria disponibilita`, senza nascondersi dietro i formalismi, noi non avremmo perso (altro) tempo a dover cercare un metodo alternativo per far arrivare le bici a destinazione. No?
Se ritieni che “pretendere” che anche la “societa` civile” possa avere un ruolo “formale” e` fare politica, allora si`, noi facciamo politica.
Magari, Giuseppe, invece di puntare il dito verso chi fa (magari poco, magari lentamente) la prossima volta puoi agire direttamente.
Ciao e grazie comunque per la tua offerta di disponibilita`.

avatar giuseppe

certo che agirò direttamente rimpiango solo il tempo che avete fatto perdere a me e soprattutto a chi ha bisogno delle bici. Se invece di perdere tempo a polemizzare con Ferrovie, dato che vi sono stati offerti anche dei furgoni per il trasporto delle bici, aveste agito solo nell’interesse dei terremotati ora non staremmo qui a discuterne
Giuseppe

avatar saimonz

Quoto Maddler e aggiungo una definizione dal dizionario Hoepli online.

Strumentalizzare: Sfruttare qualcosa o qualcuno come strumento utile per i propri scopi, in genere poco legittimi o onorevoli.

Di quale “strumentalizzazione” e di quali indegni scopi stiamo parlando, Giuseppe?

avatar saimonz

Io sono l’autore del post. E tu? Un dipendente del settore ferroviario o un troll freelance?
Il post è stato scritto in 35 minuti circa: una grande perdita di tempo, in effetti.
In merito alla gestione logistica dell’operazione, forse non hai afferrato la risposta di Maddler. Provo con parole più semplici: non siamo UPS, abbiamo ricevuto centinaia di e-mail da tutta Italia e non siamo riusciti FISICAMENTE a occuparci di TUTTE, per ora.
Le prime biciclette sono già state consegnate, altre ne saranno consegnate a breve.
Adesso ti saluto che ho già perso troppo tempo.

avatar giuseppe

stando alla vostra informativa avuta poco fa avete ricevuto 300 mail (trecento) da tutta Italia e a tuttora consegnato 13 (tredici) bici raccolte in Toscana.
A proposito Saimonz tu non perdi tempo perchè il tuo tempo non serve a nessuno

avatar giuseppe

il fatto è che a forza di chiacchiere e di polemiche inutili avete raccolto 13 bici dall’inizio dell’emergenza e per far avere le mie due ai terremotati mi sono rivolto alla CARITAS

avatar giuseppe

quindi se ne evince che non sapete fare meglio delle organizzazioni istituzionali che criticate ma che tutto sommato funzionano. Non è che siete un po’ “grillini” tutta critica e niente sostanza?

avatar giuseppe

l’unico risultato che avete ottenuto è stato quello di far perdere tempo a chi , come me, voleva aiutare i terremotati. Se non vi foste messi di mezzo avrei contattato subito CARITAS e le bici sarebbero già a destinazione da giorni.
Grazie

avatar giuseppe

allora per concludere, telefonato il 13 alla Caritas, ritirate stamane (15) le due bici , domani (16) saranno a destinazione su un furgone con altre bici e altro materiale. Totale tre (3) giorni (Caritas) contro tre(3) settimane (Salvaiciclisti). Io non voglio puntare nessun dito contro nessuno, penso solo che se non si hanno le competenze giuste e l’esperienza necessaria per svolgere certi compiti, l’entusiasmo non basta, non solo, può essere controproducente.
Giuseppe

avatar Claudio Marinelli

Abito al lago Trasimeno, ho una bici da donna nuovs, se passate da queste
parti posso consegnarvela.
Furbastri esenti.

avatar maddler

Ciao Claudio, grazie per l’offerta ma la campagna di raccolta e` chiusa. Siamo riusciti a soddisfare tutte le richieste di bici provenienti dai campi.
Grazie ancora!

Your email address will not be published. Required fields are marked *