Siamo Stato Noi

Come viene reso pubblico in questo post, il direttivo di #SalvaICiclisti Roma – Associazione si assume la responsabilità della realizzazione della corsia ciclabile popolare nota come “5th Avenue”, lungo il trafficato ponte Principe Amedeo d’Aosta.

Siamo convintamente a fianco di chiunque metta riparo all’inerzia delle amministrazioni che si sono succedute negli anni, siamo convinti assertori del principio di sussidiarietà così come identificato nell’art.118 della Costituzione, e seguiamo la letteratura scientifica che interpreta tale articolo.

Siamo altresì costretti ad agire in stato di necessità per tutelare la nostra vita durante gli spostamenti quotidiani e lo facciamo volentieri, supplendo per la nostra e altrui incolumità alle mancanze delle amministrazioni di competenza.

Ricordiamo alle autorità competenti, e di inusuale solerzia visto la rapida cancellazione della ciclopopolare che, secondo il Piano quadro della ciclabilità approvato nel 2012 dall’assemblea capitolina, e mai tradotto in azioni concrete, via di Porta cavalleggeri (pagina 99 PQC, e nell’Allegato 2 pag. 103 viene denominato Corridoio Giustiniana-Aurelio) è classificata come via sulla quale deve essere realizzata una ciclabile principale per mettere in comunicazione il Municipio con il centro, come priorità entro il 2014: la stessa via che arriva a ponte Amedeo.

Infine, mettiamo in mora fin da subito la futura amministrazione romana ricordando un principio così semplice che sembra sfuggire alle distratte menti contemporanee: le corsie ciclabili devono essere disegnate, non cancellate.

Disegnare, non cancellare.

Uno dei punti della campagna #muovitiroma prevede la realizzazione di corsie ciclabili leggere sui percorsi ad alta frequentazione ciclistica. Roma non ha saputo sviluppare in questi anni la realizzazione di queste soluzioni per la mobilità sulle sue strade, esponendo ogni giorno centinaia di utenti della strada alla più totale insicurezza negli spostamenti oltre che scoraggiando l’uso di strategie alternative e sostenibili per la mobilità specie quella di prossimità.

Era di due giorni fa la notizia che un gruppo di cittadini aveva realizzato una corsia ciclabile su ponte Principe Amedeo di Savoia, nei pressi dell’Ospedale Santo Spirito. Quel tratto, che mette in comunicazione la riva destra con la sinistra della città è fondamentale perché permette l’accesso al centro storico per chi abita a Roma Nord e da qui la possibilità di tagliare la città per raggiungere Roma Sud. E’ un tratto fortemente congestionato dal traffico automobilistico, commerciale e turistico. I cittadini, stanchi di dover percorrere quel tratto “obbligatorio” mettendo in pericolo la loro incolumità, si erano armati di secchio e pennello e avevano disegnato una corsia in sede promiscua evidenziata da apposita segnaletica orizzontale. Un lavoro realizzato in pochi minuti e con un costo realmente irrisorio.

Questa notizia ha prodotto una risposta frettolosa e cieca nella Amministrazione che dopo sole 24 ore ha disposto ed effettuato la cancellazione della ciclabile popolare , come già accaduto in passato per un altra iniziativa analoga partita sempre dalla cittadinanza (Tunnel di S. Bibiana nei pressi della Stazione Termini).

Sarebbe interessante sapere cosa pensano di questa storia i futuri Sindaci di Roma, i candidati ad amministrare anche la mobilità nell’immediato, soprattutto quelli che hanno già aderito alla nostra campagna.

Perché c’è bisogno di disegnare e non di cancellare in questa città.

#salvaiciclisti Terre del Sud patrocina la mostra fotografica “Viaggio in Italia” di Daniele De Lonti

© Daniele De Lonti ‘Viaggio in Italia’ – Caserta, 2002

L’associazione #Salvaiciclisti – Terre del Sud, insieme alle ASD Ciclo Club Monopoli e Nardelli Sport Total Bike, presenta la mostra fotografica “Viaggio in Italia” di Daniele De Lonti, organizzata dal Centro Ricerche per la Fotografia Contemporanea e patrocinata dal Comune di Monopoli.

La mostra sarà inaugurata alle ore 18 di sabato 28 maggio presso il Castello Carlo V a Monopoli e sarà aperta fino al 19 giugno 2016.

Nel promuovere la mostra, le tre associazioni vogliono promuovere e incoraggiare i diversi possibili utilizzi della bicicletta, da quello quotidiano, che consente di muoversi in città in modo veloce, economico e – perché no – divertente e salutare, arrivando direttamente in luoghi dove i mezzi motorizzati non arrivano; a quello turistico, che offre la velocità ideale per scoprire e apprezzare le bellezze del territorio; a quello sportivo, su strada e su percorsi off-road.

Agli occhi di #salvaiciclisti, impegnata nella campagna per la sicurezza degli utenti leggeri della strada, nelle bellissime foto di De Lonti, il passaggio dei ciclisti del Giro sembra voler evidenziare, oltre alla bellezza del paesaggio italiano, anche e soprattutto quella realtà quotidiana in cui la bici può esprimere il meglio di sé e in cui si misura la vivibilità dei nostri centri urbani. Vivibilità che può essere migliorata solo adottando un moderno modello di mobilità che riduca l’uso dei mezzi motorizzati, a favore di spostamenti a piedi, in bici e con i mezzi pubblici.

Ma la bici è anche bellezza e armonia: nella semplicità delle sue linee e dei suoi meccanismi si svela un sorprendente strumento, capace di mettere in relazione l’uomo con i luoghi che attraversa e le popolazioni che incontra. E tale vitalità emerge magistralmente dalle opere esposte.

 


 

salvaiciclisti.terredelsud@gmail.com
www.facebook.com/salvaiciclisti.terredelsud

Zero in Condotti

Stamattina ci siamo svegliati con una brutta notizia, o forse è un incubo da cui non riusciamo ancora a svegliarci.
In una lettera pubblicata su “Il Messaggero” il presidente della Associazione Via Condotti, forse in assoluto la via più famosa e conosciuta di Roma, asserisce che il degrado è direttamente imputabile alla mancanza di automobili private nel centro storico.
“Se levi le auto spunta il degrado e il commercio ne risente” questa è la visione della Associazione.
A parte la confusione tra pedonalizzazione e mobilità ciclabile, frutto di una mancata conoscenza in materia, la cosa che sorprende maggiormente è che una Associazione che dovrebbe tutelare gli interessi e la immagine dei commercianti di un luogo simbolo della Città possa invece permettersi di tutelare “i soliti interessi di pochi” mistificando e manipolando la realtà dei fatti.
Il degrado, inteso come inquinamento, caos, rumore, mancanza di spazi, chiusura delle attività commerciali piuttosto è direttamente imputabile alle scelte scellerate in tema di mobilità che questa città ha fatto negli ultimi 30 anni, scelte che hanno impoverito la qualità della vita e la salute dei cittadini e che hanno reso le strade e le piazze luoghi inospitali non più in grado di attrarre investimenti, turisti e clienti.
Abbiamo creato la nostra Campagna per ridare a Roma la dignità che merita e per non dover mai più leggere parole come queste, umilianti, offensive e -questo sì- degradanti.

#muovitiroma Primo giorno

primo giornoLa tempesta di tweet (circa 2000 in meno di due ore) ha raggiunto ieri i cittadini e candidati Sindaco che hanno cominciato a rispondere…

Alessandro Mustillo, Virginia Raggi e Stefano Fassina hanno aderito ai 4 punti della nostra campagna, una adesione che rappresenta un impegno programmatico per chi governerà questa città nei prossimi 5 anni a cambiarne profondamente il volto, le abitudini della mobilità.

Aspettiamo le risposte degli altri competitori ricordando che è possibile sostenere la campagna con una donazione o con la propria partecipazione attiva scrivendo a muovitiroma@salvaiciclisti.it.

 

La nostre prime 24 ore.

tweetstorm Nelle prime 24 ore abbiamo superato i 200 like e ricevuto quasi 100 firme.

Oggi, 17 maggio, alle ore 11 abbiamo deciso di lanciare un tweetstorm per chiedere ai candidati sindaco di aderire alla campagna, utilizzando l’hashtag #muovitiroma. Chiediamo ai candidati di aderire e di impegnarsi, se eletti, ad attuare un cambiamento radicale e repentino della mobilità a Roma.

Perché non c’è più tempo, perché questa città non può più aspettare.
Ricordiamo che è possibile supportare la campagna facendo una donazione e offrendo la propria partecipazione attiva al progetto scrivendo a muovitiroma@salvaiciclisti.it

 

#MUOVITIROMA

 

Roma è immobile.

Per le amministrative 2016, l’Associazione Salvaiciclisti-Roma lancia la campagna #MUOVITIROMA (muovitiroma.salvaiciclisti.it), rivolta ai candidati sindaco e a tutti i cittadini.

La campagna #MUOVITIROMA aiuta gli indecisi a scegliere il proprio candidato sindaco.

La campagna #MUOVITIROMA mette in luce i candidati che si impegnano a migliorare la vivibilità di Roma e la salute dei cittadini partendo da una revisione radicale del modello di mobilità: non più automobili e mobilità privata ma mezzi pubblici, biciclette, aree pedonali e aria respirabile.

L’associazione Salvaiciclisti-Roma, attraverso la campagna #MUOVITIROMA, vuole porre al centro della campagna elettorale il tema della mobilità a Roma e sollecita i candidati sindaco ad aderire. E’ il momento di impegnarsi ad un nuovo modello di mobilità, è il momento di ricominciare a respirare, di riportare gli spazi urbani a luoghi di vita e non di parcheggio, di consentire ai bambini di usare le strade per muoversi e per giocare, di far rifiorire le attività economiche che animano le strade della città.

I candidati sindaco che aderiscono alla campagna #MUOVITIROMA si impegnano, una volta eletti, a perseguire durante il loro mandato i seguenti obiettivi:

  1. Dimezzamento del parco veicolare circolante entro 5 anni;
  2. La realizzazione ed estensione delle aree “zona 30”;
  3. Incremento delle aree pedonali e messa in sicurezza degli attraversamenti;
  4. Realizzazione di bike lanes leggere e di ciclabili sui percorsi ad alta frequentazione ciclistica;

Ma la Campagna non si ferma alla agenda politica. Infatti le adesioni a #muovitiroma sono aperte tutti i cittadini romani, italiani, del mondo perché la nostra città è un patrimonio di tutti.

L’Associazione Salvaiciclisti-Roma invita i cittadini a finanziare con una piccola donazione  la campagna #MUOVITIROMA, per continuare a monitorare il lavoro del Sindaco e della Giunta Comunale, raccogliere dati, elaborali, renderli chiari per tutti e pubblicarli.

Tutte le informazioni su: http://muovitiroma.salvaiciclisti.it/

WEB E SOCIAL

muoviti.roma@salvaiciclisti.it

http://muovitiroma.salvaiciclisti.it/

https://www.facebook.com/muovitiroma

https://twitter.com/muovitiroma

https://www.instagram.com/muovitiroma/

Hashtag:  #muovitiroma

Bike to School scrive ai candidati sindaco di Roma: “chiudete alle auto le scuole”

Anna Becchi, coordinatrice del Bts romano e vicepresidente dell’associazione #Salvaiciclisti Roma, ha scritto una lettera al prossimo sindaco. Avrebbe dovuto pubblicarla lei sul sito, ma voi conoscete bene l’arte della giocoleria chiamata “faccio la mamma” e, siccome Anna adesso è appunto a prendere il bimbo a scuola, pubblico io in vece sua. Di seguito il testo della lettera.  Continue reading Bike to School scrive ai candidati sindaco di Roma: “chiudete alle auto le scuole”